Music class that suits you

EN
Learn to songwriting with

Chiara Dubey

Songwriting

Chiara Dubey é una cantante/cantautrice pop di formazione classica. Scrive e compone i suoi pezzi ed ha esperienza sia sul palco che in studio. Al momento frequenta un Master in canto pop a Londra.

Cost

10 lesson(s) 45 min. each : CHF 790


Location

Via Tre Tetti 3b
6605 Locarno Monti

Instrument

Songwriting

Music style

Pop

Level

Beginner

Language

German, English and Italian


I can teach you

Songwriting

Education

1999 - 2013: Lezioni private di violino con Mauro Mantegazza, Barbara Suter e Walter Zagato.

2013: Inizio degli studi di violino alla Zürcher Hochschule der Künste ( ZhdK) - seguita dai professori Ulrich Gröner, Reiko Oberhummer e Roman Kuriliv. In parallelo, lezioni di canto da Martina Bovet e David Thorner.          

2014: Seminario introduttivo per la fisiologia della voce presso l’istituto di Lichtenberg. 

2016 - 2018: Proseguimento degli studi di composizione classica al  Conservatorio della Svizzera Italiana seguita dai professori Nadir Vassena e Michael Zink. Parallelamente, frequentazione di corsi alla ZhdK come arrangiamento e orchestrazione e lezioni individuali di composizione con il professore  Kurt Widorski.  Conseguimento del Bachelor of arts in Music in composizione classica.

Bands / formations I have played in

Mi esibisco solo come me stessa: Chiara Dubey

I love to teach you songs / works from these artists / composers

Céline Dion, Priscilla Ahn, Zucchero, Elisa and James Blunt

Chiara Dubey

Interview with Chiara Dubey

Quale musicista ti ha influenzato maggiormente? Perché?
Céline Dion. L’ascoltava mio papà quando io ero piccola e mi sono innamorata della sua voce spettacolare. È sata un esempio e mi  ha fatto decidere di intraprendere una carriera da cantante. 

Cosa ti distingue dagli altri insegnanti?
L’insegnamento per me é un’attività molto nuova e questo mi porta ad essere  aperta e flessibile nel cercare insieme agli allievi modi creativi per imparare. 

Come procedi quando scrivi una canzone?
I punti di partenza sono diversi, dipende da dove nasce la prima idea. Da una melodia improvvisata al piano, o sul violino,  o da  una frase particolarmente incisiva. Principalmente i miei strumenti sono carta e penna, pianoforte e, se devo occuparmi degli arrangiamenti, compongo le parti a computer.

Come hai imparato a suonare il tuo strumento?
Il primo strumento é stato il violino. Lo ricevetti come regalo la mattina di natale, a 5 anni. Dopo aver preso qualche lezione per capire essenzialmente come il tutto funziona, ricordo che mi ha aiutato molto imparare dei brani ad orecchio: avevo un CD di canzoni di natale  e cercavo, solo ascoltando, di riprodurne le melodie con il violino. Mi ha aiutato molto ad essere flessibile con lo strumento e prendere confidenza, staccandomi dallo spartito. 

Quale equipment usi attualmente? Perché?
Ho un microfono che uso per allenarmi a cantare sentendomi in cuffia, uso programmi come Finale e Logic - comincio ora ad approcciarmi a ProTools - per scrivere musica e registrare delle demo di prova e fondamentalmente per scrivere testi uso la mia immaginazione e un quaderno.  

Qual è la caratteristica personale che più ti ha aiutato nel tuo percorso formativo? Perché?
La testardaggine, la determinazione. Sono molto tenace e non riesco ad abbandonare un sogno, quando ce l’ho, così nonostante il percorso fin ora non sia sempre stato facile e ci sono stati - e ci saranno sempre - momenti di grande sconforto e quasi di sconfitta, mi sono sempre rialzata e ho cercato ogni possibile strada per continuare ad inseguire il mio obiettivo. 

Cosa ha il tuo strumento che gli altri non hanno?
I miei strumenti  in questo caso sono la mia sensibilità e la mia  immaginazione, le quali sono uniche in ogni persona. 

A cosa presti particolare attenzione quando insegni?
Una canzone parte da un’idea, un messaggio che si vuole mandare. Spesso però non é semplice mettere in musica o tradurre in parole quello che si vuole esprimere e nelle mie lezioni cercheremo insieme le migliori soluzioni per farlo. Ci sono certo dei trucchi e delle strutture di base che si possono imparare ma in genere l’approccio sarà diverso di volta in volta - questo rende il lavoro anche più creativo e interessante! 

Come strutturi le tue lezioni di musica?
Anche in questo caso, mi adeguerò allo studente e alle sue richieste, che si tratti di lavorare ad una sua idea di partenza o imparare i caratteri generali di una canzone o cercare di scrivere qualcosa da zero, spero di poter offrire buoni consigli!

Qual è il tuo approccio con i bambini?
Più giocoso e sciolto, lo scopo resta sempre quello di stimolare la creatività!

Qual è stata la tua esperienza musicale più bella come musicista? Perché? Ho partecipato per varie volte all’ Eurovision Song Contest e la prima é stata davvero un’esperienza magica. È stato il mio primo grande palco e il mio primo approccio con le radio, le interviste, i media. Tanta tensione e eccitazione che mi ha fatto desiderare ancora più ardentemente di fare questo mestiere. 

Qual è stato il palco più importante che hai calcato?
Le finali svizzere dell’ Eurovision Song Contest su SRF/ RTS/RSI 

Con quale musicista vorresti esibirti? Perché?
Céline Dion, sarebbe un sogno d’infanzia che si realizza!

Quale disco ti porteresti su un’isola deserta? Perché?
Non so dare titolo preciso, amo troppa musica diversa. Credo che a quel punto preferirei ascoltare il silenzio.

Su quale palco vorresti o preferisci esibirti?
Amo i locali intimi, dove la gente viene davvero per ascoltare la musica. Il palco dei miei sogni é la Royal Albert Hall di Londra! 


© 2019 Instrumentor GmbH